marketing

Gallery: i partecipanti al corso “Tecnico del Marketing per il Turismo Culturale”

Immagine Postato il Aggiornato il

Ringraziamo tutti i ragazzi del corso per l’impegno dimostrato, per l’interessamento verso i temi affrontati in aula e per i project work elaborati. Hanno assistito alla presentazione dei lavori Mauro Felicori (dirigente Dipartimento di economia e promozione della città – Comune di Bologna), Patrik Romano (direttore generale di BolognaCongressi) e il docente Andrea Maulini.

Annunci

Corso in Marketing per il Turismo Culturale: Intervista a Mauro Felicori

Postato il Aggiornato il

Mauro Felicori, Dirigente – Capo Dipartimento Economia e promozione della città e Direttore ad interim Settore Marketing urbano e turismo per il Comune di Bologna, sarà uno dei docenti del nuovo corso di Ater Formazione.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Dalla sua esperienza, quanto è cambiato il turismo, in questi ultimi anni? E quanto è importante il turismo culturale, oggi?

MAURO FELICORI: Bologna conosce uno sviluppo del turismo culturale da oltre dieci anni. In corrispondenza della preparazione dello svolgimento di Bologna2000 Capitale Europea della Cultura per la prima volta il Comune rafforzò la propria strategia turistica. La città ha storicamente una tradizione di turismo d’affari legata soprattutto alla fiera e un turismo congressuale molto significativo. Negli anni ’90 si cominciò a pensare allo sviluppo del turismo di tipo culturale, un percorso che ebbe poi i suoi massimi frutti con la selezione di Bologna come Capitale Europea della Cultura nel 2000. La cultura non è un veicolo per promuovere il turismo, ma lo sviluppo turistico porta al rafforzamento del sistema culturale. Si tratta di un rapporto biunivoco: i turisti sono una quota fondamentale del pubblico della cultura nelle grandi città.

Immagine

Negli ultimi anni ci troviamo di fronte ad alcune novità importanti: innanzitutto la Giunta Comunale attuale ha dimostrato grande determinazione nel voler rilanciare la promozione turistica della città, in secondo luogo una nota compagnia aerea low cost  ha rinnovato fino al 2018 l’accordo di collaborazione con l’aeroporto Marconi. Leggi il seguito di questo post »

Corso per “Tecnico del marketing per il turismo culturale” – OTTOBRE 2013

Postato il Aggiornato il

Da sempre per Bologna la cultura e il turismo rivestono un ruolo fondamentale per il continuo sviluppo della città. Gli operatori del settore sono professionisti che hanno direttamente il compito di far risaltare cultura e creatività come elementi forti di identità e di connotazione competitiva. “Attrattori” per un turismo colto, sensibile e attento.

Perché ciò sia possibile, l’aggiornamento sulle azioni di city branding e marketing territoriale è necessario più che mai, nuovi strumenti per dar lustro alla città delle torri anche nell’ambito del Piano strategico metropolitano.

Bologna panorama

Leggi il seguito di questo post »

Master in Imprenditoria dello Spettacolo. Intervista a Stefano Prinzivalli

Postato il Aggiornato il

Cinque domande a Stefano Prinzivalli, allievo del Master in Imprenditoria dello Spettacolo, anno 2009/2010. Dopo uno stage all’Osservatorio dello Spettacolo dell’Emilia Romagna, lavora nel settore della cultura e dell’arte.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: A che cosa ti è servito di più il Master in Imprenditoria dello Spettacolo che hai frequentato?

STEFANO PRINZIVALLI: A dare forma a ciò che prima ne aveva poca. Ad imparare e codificare moltissime nozioni: dall’ambito tecnico a quello storico-artistico, da quello economico a quello legislativo. Il Master mi ha dato modo di conoscere, migliorare le mie conoscenze, aggiornarle, in ambiti diversi, ma insieme coordinati.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Quali materie hai trovato più interessanti?

SP: La legislazione, in assoluto. Penso che un fattore importante per lavorare nello spettacolo sia il rapporto e la capacità di interagire con soggetti pubblici e privati: come muoversi, quando, a chi rivolgersi, quali le procedure… Conoscere le leggi che governano il settore e come si sono evolute nel tempo è quindi un punto cruciale, importantissimo.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Il corso ti ha aiutato nel tuo lavoro? Come?

SP: Mi ha aiutato perché ho conosciuto molti professionisti del settore, consentendomi anche di entrare in contatto personalmente con chi può avere bisogno del tuo lavoro e può misurarti “dal vivo”, e non solo attraverso il telefono o la mail.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: A chi consiglieresti di iscriversi al Master?

SP: A tutti coloro che vogliono lavorare in questo settore, che hanno tutto l’entusiasmo per farlo, ma non ne possiedono tutti gli strumenti.


FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Cosa diresti per consigliarlo di iscriversi al Master?

SP: Il mondo dello spettacolo e della cultura, oggi più che mai, hanno bisogno di professionisti qualificati e aggiornati. Questo è il corso giusto per poterli diventare.

Master in Imprenditoria dello Spettacolo. Intervista ad Andrea Maulini

Postato il Aggiornato il

Cinque domande ad Andrea Maulini, esperto di Marketing Culturale e docente del “Master in Imprenditoria dello Spettacolo”. Durante le sue lezioni si occuperà di Marketing dello Spettacolo. Una piccola curiosità sul suo conto: è stato allievo del Master nell’anno 1993/94

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Come definiresti, in una frase, il “Master in Imprenditoria dello Spettacolo”?


ANDREA MAULINI: Un corso di alto livello, serio e professionale, in un mondo, come quello dei master e dei corsi in Italia, non sempre contraddistinto da queste qualità.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Quali sono, secondo te, i punti di forza del Master?

AM: Sicuramente l’approccio: teorico, ma senza essere lontano dalla realtà, e contemporaneamente pratico, ma senza essere solo un puro elenco di modi di fare. Con un’interazione con il mondo del lavoro immediata, semplice, direi quasi “naturale”.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Cosa insegnerai al Master?

AM: Un tema di cui si parla molto ma si conosce poco: il marketing applicato allo spettacolo e agli eventi culturali, con le sue metodologie e le sue tecniche, ma anche con le specificità di un settore dove la creatività artistica deve essere assolutamente preservata.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: A chi consiglieresti di iscriversi?

AM: A chi vuole conoscere il Management dello Spettacolo da tutti i punti di vista: come creare un evento, come organizzarlo, comunicarlo, venderlo…


FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Cosa diresti per consigliare agli interessati l’iscrizione?


AM: Per me, che sono un ex allievo (di tanti anni fa…) il Master ha rappresentato una tappa davvero importante. Per sviluppare una professionalità di rilievo in questo settore e, in generale, per lavorarci.