Fondazione Ater Formazione

Postato il Aggiornato il

ATER Formazione è una fondazione specializzata nella formazione degli operatori del settore dell’industria culturale e creativa. Realizza progetti in una prospettiva interdisciplinare preparando professionalità innovative per i diversi comparti: performing arts, beni culturali, cinema, comunicazione, audiovisivi. I corsi rispondono alle esigenze professionali del settore. In questo blog potrete conoscere i Corsi di prossima attivazione, i progetti appena realizzati e contattare i nostri corsisti.
Annunci

Comunicare la cultura. Intervista ad Angelo Varni

Postato il Aggiornato il

Angelo Varni è il direttore della Scuola Superiore di Giornalismo dell’Università di Bologna. Parteciperà al corso di Fondazione Ater dedicato alla comunicazione culturale in qualità di docente. Lo abbiamo intervistato chiedendogli qualche anticipazione sui temi che tratterà durante le lezioni

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Secondo la sua esperienza professionale, in che modo i nuovi mezzi hanno cambiato il modo di comunicare e quanto importa conoscerli ed essere in grado di utilizzarli?

ANGELO VARNI: La risposta è ovvia: i nuovi mezzi di comunicazione hanno trasferito l’informazione verso un livello di velocità e di immediatezza prima sconosciuto. Questo comporta tanto le necessarie competenze nell’uso di strumentazioni ben più numerose rispetto alla tradizionale abilità di scrittura, quanto una rapidità interpretativa dell’evento che richiede un ricco bagaglio di competenze estese a più campi del sapere. Paradossalmente, cioè, il ridursi degli spazi a disposizione per una trattazione della notizia obbliga il comunicatore ad evitare il rischio di superficialità attraverso l’acquisizione di un bagaglio conoscitivo immediatamente a disposizione.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Che impatto hanno avuto i nuovi media nell’ambito della comunicazione culturale?

AV: Per quanto si riferisce alla comunicazione culturale il cambiamento più rilevante ha riguardato l’uso delle reti informative personalizzate e socializzate. La comunicazione deve, quindi, sempre più organizzare un pubblico specifico, essere in grado di selezionarlo e di rapportarsi ad esso con un linguaggio consapevole delle sue esigenze e delle sue caratteristiche peculiari. Social network e blog stanno sostituendo, anche a livello delle grandi istituzioni culturali, i tradizionali messaggi affidati a strumenti cartacei con evidente necessità di saperli usare nel modo più appropriato.

FONDAZIONE ATER FORMAZIONE: Nuovi strumenti, nuove figure professionali. Quali sbocchi professionali esistono e perché consiglierebbe questo corso?

AV: Un simile cambiamento di strumenti e di linguaggi richiede senza alcun dubbio una preparazione specifica sia in termini di linguaggio che sotto il profilo di un continuo aggiornamento delle tecnologie via via modificantesi a ritmi accelerati. È con tale preparazione che sarà possibile rispondere alle domande di un mercato del lavoro spesso sollecitato dal “nuovo”, ma sovente incapace di capirne fino in fondo le potenzialità, al punto che forse appare necessario proporsi di preparare anche la domanda proveniente dal mercato.